Una delle perle più preziose del patrimonio artistico-culturale calabrese è il Parco Museo-Laboratorio MUSABA che si trova a Mammola, in provincia di Reggio Calabria. Fondato dalla coppia di artisti Nik Spatari (morto nel 2020) e Hiske Maas nel 1969, il Musaba sorge nell’antico Complesso Monastico di Santa Barbara, risalente al quarto secolo, che si estende per sette ettari nella vallata del torbido. 

Il significato di MUSABA è MUseo SAnta BArbara. Tra le tante realizzazioni presenti in questo parco di arte contemporanea merita una menzione speciale “Il sogno di Giacobbe” di Spatari conosciuto anche come “La Cappella Sistina della Calabria“. In questa pagina abbiamo provato a raccogliere tutte le principali informazioni relativi al Musaba Mammola per aiutarvi nella vostra visita a questa eccellenza calabrese. 

musaba nik spatari mammola
Nik Spatari davanti ai suoi mosaici

Ti ricordiamo che il 3-4 ottobre ci saranno le Elezioni regionali calabresi 2021!!

Parco Museale Musaba Mammola: tutte le informazioni

Di seguito trovate tutte le informazioni principali sul Musaba di Mammola aggiornate ad Agosto 2021 (data dell’ultima visita che abbiamo fatto personalmente).

Prezzo biglietto Musaba

Il prezzo del biglietto del Musaba è di 10 euro per gli adulti. Per i bambini al di sotto dei 6 anni l’ingresso è omaggio.

Musaba Prezzo Biglietto
Adulti10 euro
Minori di 6 anniingresso gratuito

Musaba Orari Apertura

Gli orari del Musaba sono i seguenti: dalle 10:00 alle 14:00 tutti i giorni. In Estate è consigliato portarsi la protezione solare poiché sono numerose le installazioni aperte. 

Leggi anche:  Cosa vedere in Calabria in Inverno? I 10 posti da visitare
Orari Musaba Mammola
Tutti i giornidalle 10:00 alle 14:00

Come arrivare al Musaba

Come arrivare al Musaba di Mammola? La grande pecca di questa oasi artistica è la mancanza di un servizio pubblico che permette anche a chi non è automunito di raggiungere il posto. L’unico modo per arrivare al Musaba è avere una macchina.

Come arrivare al Musaba dall’Autostrada?

Dall’autostrada A2 bisogna prendere l’uscita di Rosarno e subito dopo uscire a destra seguendo la segnaletica Rosarno/Gioiosa Jonica come indicato nell’immagine che segue.

Proseguire per 200 metri e subito dopo ci si ritrova ad un nuovo svincolo in cui bisogna andare a sinistra, seguendo le indicazioni per Gioiosa Jonica/Mammola.

Dopo 100 metri ci sarà una nuova biforcazione, sarà necessario andare sempre a sinistra (seguendo sempre la segnaletica per Mammola/Gioiosa Jonica. Così facendo si prende la Strada statale 682 Jonio-Tirreno.

Proseguire per 28 chilometri e poi prendere l’uscita per Mammola. Una volta presa l’uscita seguire le indicazioni per arrivare nel centro di Mammola (circa 1 km). Una volta arrivati all’ingresso del Paese saranno subito visibili tutte le indicazioni per come arrivare al Musaba. 

Di seguito il collegamento a google Maps per poter impostare subito il navigatore.

 

Musaba Mascherina

Per rispettare le normative anti-Covid vi avvisiamo che dentro gli spazi chiusi del Museo è necessario utilizzare la mascherina. Dunque, al Museo Musaba è necessario utilizzare la mascherina? Negli spazi interni sì, all’aperto no perché il parco è molto ampio ed è difficile fare assembramenti.

Musaba Cappella Sistina

Come dicevamo all’inizio l’opera di maggior fama che il Musaba ospita è il Sogno di Giacobbe realizzata da Nik Spatari, chiamata da tutti la Cappella Sistina Calabrese. Lunga 14 metri, largo 6 e alto 9, l’opera si estende nell’abside e nella volta della chiesa. Realizzato tra il 1990 ed il 1994 possiamo definirlo come il riassunto della poetica dell’artista calabrese. Nelle 16 vele è raccontata la vita di Giacobbe/Spatari: dalla nascita fino alla morte raffigurata nella parete di fronte all’abside. 

Leggi anche:  Cartoline dalla Calabria

Spatari per realizzare questa opera ha utilizzato una tecnica particolare: le figure infatti sono ritagliate su fogli di legno, poi dipinte ed infine applicate come rilievi sospesi nell’aria.

Condividi su: