I petrali calabresi sono dei biscotti ripieni che vengono fatti tradizionalmente nel periodo natalizio. Nel reggino, infatti, non è Natale se a fine pasto non ci sono i petrali calabresi sulla tavola. Sono biscotti di pasta frolla che hanno la forma di una mezzaluna. Sono ripieni di frutta secca e aromi naturali e sopra sono solitamente ricoperti di cioccolato fondente. Nei prossimi paragrafi vi racconteremo la storia dei petrali calabresi e soprattutto vi indicheremo ricetta, ingredienti e procedimento per fare i petrali calabresi a casa.

 

Ricetta Petrali Calabresi: ingredienti e procedimento

Vi diciamo subito che la ricetta dei petrali calabresi è semplice ma al tempo stesso impegnativa poiché bisogna preparare il ripien e farlo riposare per 3 giorni. Al tempo stesso però una volta che si preparano i petrali calabresi se ne fanno tantissimi ed inoltre, si conservano fino a 60 giorni, chiusi in un contenitore ermetico, o in un sacchetto per alimenti. Insomma, ne vale la pena. Di seguito vi indichiamo gli ingredienti ed il procedimento:

Ingredienti per i Petrali Calabresi

Prendete carta e penna perché per seguire tutta la ricetta dei petrali calabresi molto probabilmente dovrete fare un salto al supermercato poiché sono numerosi gli alimenti. Di seguito ve li abbiamo divisi per frolla, farcia e copertura così da facilitarvi il compito

Per la frolla:

  • 1 kg di farina 00
  • 440 grammi di burro
  • 2 uova
  • 6 tuorli
  • 400 grammi di zucchero
  • scorza grattugiata di 2 arance
  • 1 pizzico di sale

Per il ripieno dei petrali calabresi occorre:

  • 100 grammi  di noci
  • 100 grammi di mandorle
  • 100 grammi di uva passa
  • 300 grammi di fichi
  • 0,5 litri di vino cotto
  • 2 cucchiai di cacao amaro
  • 3 tazzine di caffè
  • 50 grammi di arancia candita
  • 2 cucchiai di miele
  • scorza grattugiata di 2 mandarini
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 1 uovo per spennellare

Per la copertura:

  • 200 g. di cioccolato fondente
  • ghiaccia reale (1 albume-150 g. di zucchero a velo- qualche goccia di succo di limone)
  • codette multicolore

Procedimento Petrali Calabresi

Nella ricetta dei petrali calabresi è necessario procedere per gradi. Bisogna infatti prima preparare il ripieno che richiede ben 3 giorni di riposo. Quindi il nostro consiglio spassionato è di studiare per bene quando volete portare a tavoli i vostri biscotti. Per fare il ripieno bisogna seguire questi passaggi:

  1. Mettere l’uva passa per 10 minuti in acqua calda, poi scolatela e strizzatela.
  2. Tritate i fichi secchi pezzetti con un coltello
  3. Mettete i fichi in una ciotola – grande – ed ammorbiditeli con il caffè
  4. Tostare mandorle e  noci e successivamente tritatele
  5. Nella ciotola con i fichi ed aggiungete: l’uva passa, scolata e strizzata, le mandorle e le noci tostate, aggiungete il mosto cotto, il cacao, la cannella ed i chiodi di garofano, la buccia dei mandarini e del limone tritata finemente e lo zucchero e mescolate l’impasto con un cucchiaio di legno.
  6. Coprite e lasciate riposare per circa 3 giorni, mescolando sempre di tanto in tanto

Passati i 3 giorni, il ripieno dei petrali calabresi è pronto da essere utilizzato, adesso bisogna pensare alla pasta frolla. Il procedimento è il seguente:

  1. Setacciare la farina su una spianatoia (o tavolo precedentemente lavato). Con le mani formare un buco al centro, in cui verranno aggiunti gli ingredienti.
  2. Tagliare il burro a pezzetti utilizzando un coltello, cercando di tagliarlo in tanti piccoli quadratini.
  3. Mettere il burro al centro della farina ed aggiungere lo zucchero semolato.
  4. Con le dita delle mani, sfregare il burro con lo zucchero, fino ad ottenere un impasto sbricioloso.
  5. Aggiungere un pizzico di sale ed i tuorli dell’uovo.
  6. Impastare con le dita delle mani il burro mescolato con lo zucchero e i tuorli. Man mano fate incorporare la farina all’impasto della pasta frolla fatta a mano, fino a renderlo omogeneo.

La pasta frolla fatta a mano deve essere impastata per pochi minuti. Dopo, bisogna metterla in un foglio di pellicola per alimenti e lasciarla riposare nel frigorifero per circa 1-2 ore. Una volta pronta la pasta frolla bisogna stenderla con un matterello. Subito dopo bisogna fare dei cerchi di pastafrolla. Al centro di ogni cerchio posizionare un cucchiaino di ripieno e pennellate il bordo di ogni cerchio con rosso d’uovo sbattuto, e chiudere i lembi dando così la forma di una mezzaluna. Un consiglio spassionato che vi vogliamo dare è il seguente: una volta fatti tutti i petrali calabresi, lasciateli riposare massimo 30 minuti in freezer prima di cuocerli in forno. Così facendo non si modificherà la forma dei biscotti durante la cottura. Preriscaldare il forno a 170°, spennellare con l’uovo la superficie e infornare per 15-20 minuti circa, fino a doratura. Importante, terminata la cottura lasciateli intiepidire fuori dal forno.

Passiamo alla decorazione finale: sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente e preparare la ghiaccia reale. Immergere quindi i petrali solo nella parte superiore alcuni nel cioccolato fuso e alcuni nella ghiaccia e decorare con le codette multicolore. Una volta che il cioccolato o la ghiaccia sono ben asciutti, i petrali calabresi sono pronti per essere consumati.

La storia dei Petrali Calabresi

Le origini di questi biscotti natalizi sono incerte. Leggenda vuole che a prepararli fosse un prete, insieme alla sua perpetua come dono ai propri fedeli proprio durante il periodo natalizio. Da qui deriva il nome Petrale che ha un’assonanza con il termine presbitero. 

Condividi su:
Leggi anche:  Polpette di melanzane calabresi: la ricetta tradizionale